Arcigay: il Papa sbaglia

Comunicato stampa di Arcigay

Il pontefice, nel discorso di qualche giorno fa rivolto ai diplomatici accreditati presso la Santa Sede, afferma che la possibilità per gay e lesbiche di contrarre matrimonio o unioni civili sono mera “espressione di desideri egoistici e non trovano il loro fondamento nell’autentica natura umana”.

Ci preme ribadire, per l’ennesima volta, che tale riconoscimento giuridico costituisce invece la giusta risposta a bisogni essenziali di cittadine e cittadini, utili al pieno sviluppo della personalità umana, come riconosciuto ormai dalla stragrande maggioranza delle democrazie occidentali e dalle legislazioni di moltissimi paesi, che tutelano l’uguaglianza nell’ambito dei valori civili di uno stato laico e democratico.

Non a caso anche la Corte costituzionale italiana ha riconosciuto l’alto valore sociale delle coppie omosessuali e ha sottolineato l’urgenza di un istituto giuridico che le tuteli, invitando il Parlamento a sanare tale vulnus legislativo.

1° edizione Premio Nazionale “Marco Fattori” 2010

7 dicembre 2010, ore 23.00
Discoteca TuKandela, Perugia

Prima edizione del Premio Marco Fattori 2010, il riconoscimento per le persone che hanno promosso in tutti i campi della vita politica, economica e culturale in Italia e in Umbria i diritti delle persone LGBT (lesbiche, gay, bisex e transessuali).

Sono diciannove in totale i premiati tra i quali anche Nichi Vendola, Presidente della Regione Puglia, e Maura Chiulli, scrittrice ed editorialista che da anni combatte il pregiudizio e discriminazione al fianco di Arcigay, associazione che l’ha eletta quest’anno Responsabile Nazionale alla Scuola, ai Giovani e alle Politiche di Genere.

Questo premio”, afferma Marco Fattori, l’eclettico patron della manifestazione, “è per me un gesto d’amore e di riconoscenza verso la mia terra, l’Umbria, che nel corso degli anni è diventata un punto di riferimento nazionale per la sua cultura di libertà e di rispetto verso i diritti delle persone omosessuali”.

Da alcuni anni Perugia, grazie all’attività dell’associazione Arcigay-lesbica Omphalos e allo staff della discoteca Dancing Queer, è diventata, infatti, una delle principali mete per la comunità LGBT del Centro Italia, come dimostrano le continue iniziative culturali e ricreative che si svolgono presso il Circolo Omphalos in Via della Pallotta a Perugia.