Episodi di omotransfobia in Umbria: subito una legge regionale.

EPISODI DI OMOFOBIA E TRANSFOBIA IN UMBRIA: URGENTE APPROVARE LA LEGGE REGIONALE CONTRO LE DISCRIMINAZIONI   Dopo il recente episodio di omofobia ai danni dell’attivista politico Salvatore Savastano a Foligno, un’altra denuncia di transfobia arriva da Perugia, dove il vice-presidente dell’associazione, Giuliano Foca, si è ritrovato questa mattina con i vetri della propria auto incisi…

Comunicato stampa “Europride 2011: noi ci siamo”

EUROPRIDE 2011: NOI CI SAREMO

I volontari e le volontarie del Comitato Provinciale Arcigay Perugia e dell’Associazione Arcigay-lesbica Omphalos sfileranno a Roma in occasione della manifestazione internazionale di orgoglio omosessuale.

Roma – L’11 giugno 2011 si svolgerà a Roma la “Big Parade” dell’Europride 2011, la più significativa manifestazione internazionale europea di orgoglio omosessuale, che ogni anno vede protagonista una capitale d’Europa. L’Umbria avrà la sua rappresentanza ufficiale con la presenza di tutti i soci e volontari del Comitato Provinciale Arcigay Perugia e dell’Associazione Arcigay-lesbica Omphalos, che per l’occasione sfileranno insieme su di un carro appositamente allestito.

L’Umbria, grazie all’impegno ed al contributo fondamentale dei volontari del Comitato Provinciale Arcigay Perugia e dell’Associazione Arcigay-lesbica Omphalos , sarà presente con un carro a forma di Arca di Noè, sulla quale saranno ospitate una coppia di ogni specie animale (ossia volontari travestiti da animali), per manifestare che la diversità arricchisce sempre e con l’invito implicito ad andare d’accordo tra diversi: scimmia con cane, pappagallo con rinoceronte e via elencando le biodiversità. L’Europride non è una manifestazione solo di qualcuno e sempre contro qualcosa. Europride è una manifestazione di tutti. E’ per i diritti. “E’ per più democrazia e uguaglianza nel nostro paese” come ha sottolineato Paolo Patanè, presidente dell’arcigay nazionale.

EUROPRIDE: RAPPRESENTANZA UMBRIA PRESENTE CON CARRO ARCA NOE

p.p1 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; font: 22.0px Arial} p.p4 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; font: 16.0px Arial; min-height: 18.0px} p.p5 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; font: 13.0px Arial; color: #002a5c} p.p6 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; font: 16.0px Times; min-height: 19.0px} p.p7 {margin: 0.0px 0.0px 0.0px 0.0px; font: 14.0px Arial; color: #3b709a} p.p8 {margin:…

Arcigay: il Papa sbaglia

Comunicato stampa di Arcigay

Il pontefice, nel discorso di qualche giorno fa rivolto ai diplomatici accreditati presso la Santa Sede, afferma che la possibilità per gay e lesbiche di contrarre matrimonio o unioni civili sono mera “espressione di desideri egoistici e non trovano il loro fondamento nell’autentica natura umana”.

Ci preme ribadire, per l’ennesima volta, che tale riconoscimento giuridico costituisce invece la giusta risposta a bisogni essenziali di cittadine e cittadini, utili al pieno sviluppo della personalità umana, come riconosciuto ormai dalla stragrande maggioranza delle democrazie occidentali e dalle legislazioni di moltissimi paesi, che tutelano l’uguaglianza nell’ambito dei valori civili di uno stato laico e democratico.

Non a caso anche la Corte costituzionale italiana ha riconosciuto l’alto valore sociale delle coppie omosessuali e ha sottolineato l’urgenza di un istituto giuridico che le tuteli, invitando il Parlamento a sanare tale vulnus legislativo.

“Forza Nuova” omofobi ed ignoranti

In un comunicato stampa reso recentemente pubblico dalla sezione perugina di Forza Nuova si contesta alla locale comunità omosessuale, di aver contribuito alla cancellazione del concerto che Elephant Man avrebbe dovuto tenere in una discoteca della città in aprile.

Nel comunicato i fascistelli perugini definiscono “sessualmente deviate” le persone omosessuali.

Deviati e frustrati sono probabilmente gli autori di quel comunicato che per di più dimostrano un’ignoranza della quale davvero vergognarsi se sono riusciti a lasciarsi sfuggire che da decenni l’Oms ha escluso l’omosessualità dalle malattie di ordine comportamentale e psichiatrico.

Invece essere fascisti, per quanto ne sappiamo, rimane un’inclinazione riprovevole della quale tutti quelli che hanno potuto studiare un po’ della storia recente del nostro Paese dovrebbero vergognarsi.

Arcigay e la nuova giunta comunale

Comunicato Stampa del 3 luglio 2009

Da poche ore è stata diffusa la lista dei nuovi assessori del Comune di Perugia. Il Circolo Arcigay Arcilesbica Omphalos di Perugia saluta la nuova squadra di governo locale e nota con soddisfazione ed entusiasmo che il neo sindaco Wladimiro Boccali ha scelto di istituire un assessorato alle “Politiche energetiche e ambientali – Pari opportunità, Stato civile”.

L’istituzione di un assessorato che si occupasse delle pari Opportunità era stato espressamente proposto all’allora candidato sindaco, Boccali, proprio dalla nostra Associazione e notare che questa indicazione non è caduta nel vuoto ci carica di fiducia verso la nuova Giunta comunale.

Congresso 2009

ARCIGAY PERUGIA A CONGRESSO: TEMPO DI AUTOCRITICA E NUOVA ENERGIA.

 

Il Comitato Provinciale perugino Arcigay e il Circolo Arcigay Arcilesbica Omphalos di Perugia hanno indetto i propri Congressi ed eletto un nuovo Consiglio Direttivo per ognuna delle due associazioni.

Presente ai lavori Maria Pia Serlupini, consigliere comunale di Perugia e delegata per le politiche delle differenze e delle pari opportunità, la quale ha salutato i presenti e assicurato la solidarietà del sindaco uscente e di Vladimiro Boccali, candidato sindaco.

Gianpietro Bucciarelli, Presidente uscente del Comitato provinciale perugino Arcigay ha ricordato la lenta e lunga strada percorsa fin qui dall’associazionismo omosessuale a Perugia.

“Purtroppo il momento storico non ci aiuta – ha sottolineato – infatti rispetto a due anni fa siamo passati dalla discussione del riconoscimento di diritti di cittadinanza al rimettere in dubbio la sacrosanta naturalezza dell’orientamento sessuale di tipo omosessuale”

Perugia contro il reato di omosessualità

La notizia cattiva è che in 90 paesi del mondo l’omosessualità è considerata un reato e punita in modo diverso fino ad arrivare, in 9 stati, alla pena di morte.

 

La notizia buona è che il Comune di Perugia lo scorso lunedì 26 gennaio ha deciso di sottoscrivere e sostenere il testo “Depenalizzazione universale dell’omosessualità”.

Si tratta dello stesso documento che recentemente la Presidenza dell’Unione Europea, guidata dalla Francia, presentò all’assemblea generale delle Nazioni Unite.

 

É un documento che fece molto discutere visto che la Chiesa, per mano di Mons. Celestino Migliore – osservatore vaticano presso l’Onu – ne prese le distanze segnalando che “depenalizzare l’omosessualità potrebbe significare discriminare i Paesi che non si allineano”.

Giornata della Memoria 2009

Comunicato Stampa – 27 gennaio 2009 Gli uomini col triangolo rosa. L’olocausto è anche loro. Per qualche motivo non è facile ricordarsene, ma nei campi di concentramento nazisti siamo morti anche noi. Noi omosessuali! Almeno diecimila persone con il triangolo rosa sono finite stritolate e incenerite dagli ingranaggi della macchina concentrazionaria nazista. Nell’Italia di Benito…

LA PENA DI MORTE PER GLI OMOSESSUALI IN FONDO NON E’ UN FATTO GRAVE

CIRCOLO ARCIGAY ARCILESBICA OMPHALOS – PERUGIA Comunicato Stampa 4 dicembre 2008 LA PENA DI MORTE PER GLI OMOSESSUALI IN FONDO NON E’ UN FATTO GRAVE. Conocazione Conferenza Stampa Il 10 dicembre 2008 ricorrerà il sessantesimo anniversario della Dichiarazione internazionale dei Diritti dell’Uomo. Un documento di fondamentale importanza non solo dal punto di vista morale ma…

SINISTRA ARCOBALENO SOTTOSCRIVE IL PATTO CON ARCIGAY

Comunicato stampa Perugia, 07/04/2008 SINISTRA ARCOBALENO SOTTOSCRIVE IL PATTO CON ARCIGAY Sabato sera, durante la festa mensile della comunità gay e lesbica umbra Dancing Queer, il senatore Paolo Brutti e la senatrice Maria Luisa Boccia, rispettivamente capolista al senato e capolista alla camera per la Sinistra Arcobaleno in Umbria, hanno sottoscritto la piattaforma rivendicativa del…